Barcellona, l’impronta di Gaudì

0 Comment
Gaudì
Condividi:

Di tutte le opere presenti a Barcellona, quelle realizzate da Antoni Gaudì sono il segno di riconoscimento che caratterizzano maggiormente la città catalana. Oggi noi di LifeInRoad.com vi portiamo virtualmente tra le vie spagnole alla ricerca dei segreti e dei capolavori realizzati dall’architetto spagnolo.

Oltre alla maestosa Sagrada Familia (edificio più visitato della penisola iberica), Barcellona deve tantissimo al genio di Gaudì, che grazie alla sua visione “modernista” dell’arte ha plasmato la città rendendola tanto unica quanto affascinante ed intrigante: la ricerca di forme naturali attraverso pietre ondulate o sculture di ferro ricurve, ha infatti conferito al centro cittadino una fisionomia che non troverete da nessun’altra parte.

Sulle orme di Gaudì: itinerario e consigli

Iniziamo il nostro tour dedicato ad Antoni Gaudì dal Parco Guell, progetto originariamente nato come un giardino privato in collina. L’accesso al parco è gratuito ma se si ha l’intenzione di visitare la zona monumentale (ed il nostro consiglio è di farlo) bisognerà pagare un ticket d’ingresso. Qui, tra gli altri monumenti, potrete ammirare la Casa Museo dello stesso Gaudì: in questo edificio, dove l’architetto visse per quasi 20 anni, troverete anche alcuni progetti ideati dallo spagnolo.

Orari
Dal 27 ottobre al 23 marzo: dalle 8:30 alle 18:00
Dal 24 marzo al 30 aprile: dalle 8:00 alle 20:00
Dal 1 maggio al 26 ottobre: dalle 8:00 alle 21:00
Costo zona monumentale: da 4,90€ a 8€ (resto del parco gratis)

Gaudì e le case dell’Eixample

Dirigetevi poi nel quartiere dell’Art Nuveau, sul Passeig de Gracia. Qui, lontano dal centro, verrete subito catturati dallo stile inconfondibile applicato all’edilizia privata: una vero e proprio emisfero artistico di Barcellona. Tra i vari edifici, Gaudì ha lasciato il segno soprattutto con due tra i monumenti più apprezzati e riconosciuti di Spagna: Casa Milà, detta la Pedrera, e Casa Battlò. Stile moderno, colori e linee naturali rendono queste attrazioni tra le più amate dai visitatori di tutto il mondo.

Casa Milà fu commissionata dall’unione in matrimonio tra Pere Milà i Camps e Roser Segimon Artells. La facciata esterna, rivestita di pietra grezza (da cui il soprannome “La pedrera” ovvero “cava di pietra”), vi permette di ammirare i sei piani dai quali è composto l’edificio, su ognuno dei quali ci sono otto appartamenti (alcuni abitati). Inizialmente il suo design sollevò diverse polemiche tanto da interrompere i lavori salvo poi procedere al completamento dell’opera. Non perdetevi la possibilità di salire sul tetto per ammirare i caratteristici camini arrotondati e le torrette di ventilazione.

Proseguendo sul lunghissimo Passeig de Gràcia, al numero 43, si trova invece Casa Battlò. L’edificio, espressione inconfondibile del modernismo, non è un opera originale di Gaudì. L’architetto spagnolo, infatti, rinnovò completamente la struttura già esistente (appartenuta a Josep Batlló) realizzando un vero e proprio capolavoro elevandola di due piani. Tra le opere più originali dell’artista, è stata nominata Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco. 

Orari Casa Milà
Dal 3 marzo al 2 novembre: dalle 9:00 alle 20:00
Dal 3 novembre al 2 marzo: dalle 9:00 alle 18:30
Chiuso il 25 dicembre, il 1 gennaio aperto dalle 11:00 alle 20:00
Costo: da 8,25€ a 20,50€

Orari Casa Batllò
Da lunedì alla domenica: dalle 9:00 alle 21:00
Costo: da 15,00€ a 21,50€

Palazzo Guell, Casa Vicens e Torre Bellesguard

Il primo era la residenza dell’industriale Eusebi Güell, commissionato a Gaudì dopo l’ottimo lavoro svolto con i Padigliano Finca Guell. Si trova in pieno centro città, vicino alle Ramblas, nel Carrer Nou de la Rambla, ed è facilmente riconoscibile grazie agli archi di catenaria esterni all’edificio. Durante la visita sarà possibile addentrarsi su tutti i piani, dal vecchio fienile sino alla terrazza. All’ interno, la volta del soffitto è adornata con dei fori nei quali, di notte, venivano poste alcune piccole lanterne per creare l’effetto di un cielo stellato.

Casa Vicens è la prima opera importante realizzata da Antoni Gaudì. Presenta una ricca confluenza di stili ma lascia trasparire già alcune linee di modernismo che caratterizzeranno le opere future dell’architetto catalano: insieme ad alcuni elementi gotici è possibile scorgere elementi mediterranei o addirittura islamici. Si trova nel Carrer de les Carolines, nel quartiere di Gracia, ed a breve sarà aperta al pubblico: il numero dei visitatori, tuttavia, sarà limitato a 395 al giorno e dunque occorrerà prenotarsi per non avere brutte sorprese.

La Torre Bellesguard nasce dall’antico castello di Re Martino I d’Aragona. Si trova in Carrer de Bellesguard ed è di proprietà privata. Tuttavia si possono visitare sia l’interno sia il giardino. Vi sarà facilmente riconoscibile grazie alla torre coronata dove spicca la croce a quattro braccia. 

Se avete ancora dei dubbi, se volete raccontarci la vostra esperienza o semplicemente volete altri chiarimenti o eventuali domande su altre opere di Gaudì non esitate a contattarci tramite la nostra pagina Facebook ufficiale!

La mappa con le opere di Gaudì a Barcellona

Condividi: