San Valentino a Palermo: guida per il giorno degli innamorati

0 Comment
Condividi:

La nostra seconda tappa per il giorno di San Valentino, dopo quella di Pisa, ci porta a Palermo. Il capoluogo siciliano è una fucina di ricchezza storica ed artistica e per voi ed il vostro partner potrebbe essere una piacevole alternativa  alle solite mete del 14 Febbraio. Volete mettere il sole ed il caldo della Sicilia per festeggiare il giorno degli innamorati?

San Valentino a Palermo: un giro per la città

Espressione delle tante dominazioni che si sono susseguite, Palermo si presenza come un’autentica varietà di stili e colori. Se nella vostra fuga d’amore avrete poco tempo per girare la città non vi preoccupate. Noi di LifeInRoad.com non vi lasciamo soli e vi foriamo questa mini-guida per poter vedere i monumenti più importanti in uno o due giorni.

Si parte dal mercato di Ballarò, direzione Chiesa del Gesù o Casa Professa. Quest’ultima, descritta anche nel Gattopardo, è espressione del Barocco siculo-europeo grazie alla presenza dei bassorilievi ed alle svariate decorazioni in marmo che la compongono. Senza spostarvi troppo, raggiungete facilmente via Maqueda dove ammirerete le cupole della Chiesa di San Cataldo: la struttura è spesso utilizzata come una delle immagini simbolo di Palermo per la sua peculiarità di unire stili orientali ed occidentali.

Teatro Massimo

Sposandosi verso est arriverete ad un’altra bellezza architettonica della città siciliana: la Chiesa dell’Ammiraglio. Di origine ortodossa/bizantina è ancora una volta espressione di vari stili che si bilanciano formando la peculiare arte palermitana. Di fianco troverete la Chiesa di Santa Caterina, rinomata soprattutto per i suoi bellissimi affreschi. Ultimata la visita dirigetevi su Piazza Bellini per poi arrivare alla fontana di Piazza Pretoria. Siete giunti finalmente al cuore pulsante del centro storico di Palermo dove ammirerete i “Quattro Canti”. Questi non sono altro che i prospetti architettonici che segnano l’incrocio tra Via Maqueda e Corso Vittorio Emanuele. Attraverso i simboli, testimoniano la natura, la storia e la fede della città.

Dopo una breve pausa per rifocillarsi, incamminatevi in direzione Piazza Verdi per visitare il Teatro Massimo, il più grande edificio teatrale lirico d’Italia e il terzo in Europa. La prossima tappa sarà poi la Chiesa del Santissimo Salvatore con cupola ellittica. Il nostro consiglio è quello di raggiungere la parte alta dell’edificio e per ammirare la splendida vista di Palermo.


San Valentino a Palermo: Cattedrale e Cappella Palatina

Cappella Palatina

Nel vostro percorso, a seconda che sia di uno o più giorni, non potrà mancare una visita alla Cattedrale di Palermo. Eretta nel 1185, subisce profonde e strutturali modifiche durante il restauro del 1781 restando però uno dei simboli cittadini. All’interno potrete osservare anche i sarcofagi di Federico II ed Enrico IV oltre al simulacro del beato Giuseppe Puglisi martire, ucciso dalla mafia nel 1993. La cattedrale, inoltre, è parte degli itinerari arabo/normanni proposti dall’Unesco.

Dulcis in fundo, terminata la lunga visita del Duomo, ecco il Palazzo Reale (o Palazzo dei Normanni). Considerata la più antica residenza reale d’Europa, noterete che delle originali quattro torri normanne solamente due sono quelle rimaste. All’interno dell’edificio, entrerete poi nella Cappella Palatina (ingresso in Piazza Indipendenza). Costruita a partire dal 1130 per volere di re Ruggero II di Sicilia, venne consacrata il 28 aprile 1140 come chiesa privata della famiglia reale. Fu danneggiata nel terremoto del 2002 ed i lavori di restauro si esaurirono solamente nel 2008. Tutt’oggi è sede del Tesoro della Cappella Palatina, dove sono custoditi dei Tabulari (documenti pubblici) in pergamena che vanno dall’XI secolo al XVIII secolo. Altri elementi presenti all’interno della cripta sono vasellame in argento sbalzato, degli oggetti liturgici, delle urne in argento, cofanetti in avorio arabi ed egiziani, calici, ostensori, reliquiari e un sigillo mesopotamico, oltre a diverse sete preziose.


San Valentino a Palermo: il “Tour dell’ammmore in pieno centro”

Se il 14 Febbraio lo volete festeggiare in modo alternativo, oltre alla solita cena romantica Palermo vi offre anche di più. Appuntamento davanti a Porta Felice (al costo di 12 euro con prenotazione obbligatoria) alle ore 20 per la partenza del “Tour”. Nella vostra passeggiata vi verranno raccontate storie di amori inconfessabili, romantici, folli, proibiti e crudeli che mostreranno un lato autentico e passionale della realtà siciliana.

L’iniziativa è stata promossa dalla società Alternative Tours Palermo per portare a conoscenza di tutti il lato tanto sentimentale quanto pregiudizievole della realtà siciliana. Per prenotare o per ulteriori informazioni riguardanti il tour scrivete agli organizzatori all’indirizzo alternativetourspalermo@gmail.com. Il vostro “alternativo” San Valentino palermitano è pronto per cominciare.

Se avete ancora dei dubbi o semplicemente volete altri chiarimenti non esitate a contattarci tramite la nostra pagina Facebook ufficiale.

 

Condividi: